martedì 19 giugno 2012

Il peso specifico del silenzio


 Ok, lo ammetto, Prince ha perso un po’ di fascino su di me. Sarà questo tour infinito, sarà la mancanza di novità musicali, sarà la mancanza di un sistema accettabile per comunicare con noi plebaglia (un sito, tanto per dire un’assurdità, un sito che non sia un sito di pettegolezzi come Dr.Funkenberry).

Rimango sempre dell’idea dei remi in barca, non voglio fare l’uccello del malaugurio ma tutto mi fa pensare a questo, il nostro Prince, il Prince che ci ha fatto innamorare della sua musica, il Prince misterioso, folle, simpatico, originale e unico NON esiste più. Al momento è un dato di fatto, è cronaca, a lungo termine spero d’essere smentito. Sapete della tipica storia dell’artista che tutti ormai danno per finito e lui con un colpo di reni si risolleva con un disco-capolavoro? Ecco, quello dubbioso sulle sue mosse e sulla la possibilità di riaverlo a livelli alti c’è (non tiro in mezzo nessuno, parlo di me), l’artista c’è, ora manca solo la parte del “si risolleva con un disco-capolavoro".

Veramente ragazzi, veramente volete ancora un tour Welcome 2? Abbiamo bisogno di un nuovo tour book dove lui ci mostra quanto è bello? Abbiamo bisogno delle sue foto photoshoppate? Abbiamo bisogno di una versione di Days Of Wild live per esaltarci? Io non riesco ad esaltarmi per un brano di 15 anni fa già proposto in versione live, insomma non è di certo una novità no? Ma sono l’unico a pensare che il nostro stia viaggiando in folle, leggermente in discesa tanto per manetenere un minimo movimento? Sono preoccupato, molto preoccupato. Ribadisco qui ancora le mie sensazioni anche per giustificare i miei centellinati post. Di cosa dovrei parlare? Di Andy Allo in radio? Di Prince che per ringraziare i fans Australiani regala Days Of Wild live? Dovrei esaltarmi per l’imminente album di Larry Graham o per il tour europeo di Andy McKee?

Io mi sono innamorato di Prince perché pubblicava un mucchio di musica, perché i suoi live erano ogni anno diversi, per il MISTERO che lo avvolgeva. Ora è rimasto un po’ di mistero (perché alcune sue scelte rimangono a me completamente incomprensibili) ma del resto non trovo più nulla. Poi aggiungiamoci anche il mondo che gira, ci sono nuovi artisti meravigliosi, non esiste solo Prince.

Insomma, non ho idea di quale volesse essere il risultato, non ho idea di cos’abbia in mente il nostro amico ma se voleva allontanare qualcuno... beh, qualcuno è riuscito ad allontanarlo. Io per lui continuo a provare rispetto, stima e amore, sì dai, passatemi il termine. Amore, perché mi ha regalato momenti magnifici e continua a regalarmeli, il mio post è solo indirizzato a voi che seguite il blog e anche a me. Ho bisogno di chiarirmi cosa succede, succede che le sue ultime mosse non mi convincono e non mi emozionano.


Dai Prince, voglio essere contraddetto!!!





Mi sembra stupido tornare a precisare alcuni concetti ma in chiusura di post sono obbligatori, eccoli in breve:
- spero di sbagliarmi in tutto e su tutto
- fosse abbastanza vicino per vederlo live ci andrei bendato e in verticale sulle mani
- in questo blog mi permetto di scrivere cose che altrove non direi nemmeno sotto tortura, se siete qui immagino possiate comprendere certe mie paranoie e il mio rispetto verso l’artista
- alla prima notizia positiva tornerò più carico e esaltato di prima
- a me Days Of Wild nella nuova versione Live non convince e credo sia un pessimo regalo
- si, ho voglia di attirarmi tutta l'antipatia del mondo viola! Eh eh.

giovedì 7 giugno 2012

Auguri Prince





Mi piacerebbe ascoltare qualcosa di nuovo, la musica che solo tu sai fare.
Mi piacerebbe vederti ancora dal vivo e mi piacerebbe assistere a un concerto pieno di novità.
Ma oggi non sono qui per dire cosa vorrei da te, sono qui per augurarti il meglio dalla vita. Spero tu possa raggiungere tutti i tuoi obbiettivi, che tu possa sentirti realizzato, che tu sia felice.
Auguri Prince, 54 ma per me sei sempre The Kid.