venerdì 23 novembre 2012

Dio Prince




Care amiche e cari amici, 
il post di oggi rompe il mio silenzio, il silenzio di chi preferisce stare zitto piuttosto che scrivere di cose che non reputa interessanti. 
D’altronde di cosa dovrei parlare? 
Del nuovo disco di Larry Graham? * 
Del nuovo singolo di Prince tra poco in vendita? (rock and roll affair) 
Dei magnifici remix del singolo di Prince? ** 
Del disco in uscita di Andy Allo? 
Tutte notizie indubbiamente interessanti per un fan, non lo metto in dubbio, poco interessanti per me al momento, per me che sono un hater. (… bu!).
Non è il periodo migliore nel mio rapporto con Prince. 
Dico la verità, mi ha un po’ annoiato nei modi e anche artisticamente, non ho problemi ad ammetterlo. 
In molti già conoscono la mia posizione sulle sue ultime mosse, tra l’altro non sono l’unico a vivere questo periodo in maniera non del tutto entusiasta. 
Però pensavo di lasciar perdere, di non scrivere nulla senza avere argomenti affascinanti, affascinanti per me almeno. 
Poi ieri sera mi sono messo a guardare il nuovo video di Prince, il video di supporto al singolo Rock And Roll Affair. 
Il brano lo conosciamo già, c’è a chi piace e c’è chi, come me, lo ritiene un compitino svolto in 5 minuti. Se devo dirla tutta al primo ascolto mi sembrava un brano passabile, ma già al secondo ascolto si è mostrata per quello che è, una canzoncina pop semplice semplice (ma semplice) e indubbiamente deludente dopo il lungo periodo di silenzio. 
Il video assomiglia un po’ al brano, senza infamia e senza lode ma di certo, a differenza del brano, non così deludente. 
Cosa succede? Succede che ieri sera mi metto a guardare i commenti riguardo al nuovo video su Dr.Funkenberry. 
Il primo utente scrive qualcosa tipo “amazing” (vi invito a leggerli per togliervi la curiosità), un altro scrive “This is it”, una ragazza aggiunge “Love the lyrics” e così via. 

Io mi permetto di scrivere quanto segue: 

“The video is good. The song it’s very poor for his standard (or old standard?) 
Sorry Prince. 
Put togheter a good album please”. 


Vi sembrano parole di una persona che ODIA un artista? 
Ecco, basta questo commento non in linea che subito un fan di quelli giusti si permette di classificare chi parla male del brano indicandolo come hater. 



Nella fattispecie, essendo stato fino a quel momento l’unico a non aver sbrodolato complimenti, mi ha personalmente indicato come hater. 
Hater, per chi non lo sapesse, significa “odiatore” o per far suonare meglio il tutto “colui che odia”. In questo caso io sarei un hater di Prince. 
Capito? Io! 
Uno gestisce un blog, apre un forum, si vede concerti in giro per l’Europa, compra tonnellate di dischi, ammorba amici/parenti parlando del genio di Minneapolis, spende un sacco di soldi per Prince e il primo pirla, non vedendolo prostrato al cospetto del divino, si permette di dargli dell’hater. 
Ah ah, troppo forti questi veri fan, perché sia chiaro, non è la prima volta che assisto a comportamenti del genere. 
Per questi fan, anzi, chiamiamoli con il nome corretto questa volta, per questi fanatici, Prince non è sì un grande artista ma pur sempre un uomo (ho una notizia per voi, anche LUI appoggia le violacee chiappe alla tavoletta del water). No, per loro dire qualcosa di critico nei suoi confronti significa offendere un credo religioso, la religione Purple che venera il Dio Prince. 
Eh no, non ci siamo proprio. 
Io non venero il Dio Prince, io venero l’artista Prince ma solo ed esclusivamente per questioni artistiche. Non venero il suo modo di gestire la sua musica su youtube. Non venero la sua mania di controllo su pupazzetti vari. Non venero le sue uscite sui gay e le sue esaltazioni mistiche. Ultimamente anche i suoi slogan mi fanno ridere, ad esempio il “real music from real musician” è prima di tutto vecchio (cambiare Prince… ebbasta!) ma soprattutto abbastanza ridicolo se citato dallo stesso artista che propone set completamente basati su basi preregistrate durante i live. 

Io venero la sua musica. 
Se però la sua musica è quella degli ultimi due anni allora no, non lo venero nemmeno come artista contemporaneo. Ho amore totale per i suoi brani del passato, ho stima per il performer, performer che tuttora ha qualcosa da dire live ma non ho assolutamente nessun tipo di remora nel dire che dopo tanto silenzio mi aspettavo qualcosa di più rispetto a questa caz… canzone RockAndRollAffair. 
Mi rendo anche conto di non poter continuamente riproporre il refrain del tipo “una volta era meglio”. Si, me ne rendo conto. 
Onestamente ho più volte pensato anche di lasciar perdere questo blog o il forum. 
Si perché è curioso leggere un blog dedicato a un artista e poi trovare poca esaltazione da parte di chi lo gestisce no? 
Poi però ho pensato che forse, forse dico, il bello potrebbe anche essere quello, avere un blog che si permetta di analizzare tutto il mondo viola in maniera critica e senza nessuna remora. 
Comunque, tornando al post di Dr.Funkenberry mi sono permesso di rispondere subito al tipo che mi dava dell’hater e l’ho fatto in questa maniera: 

“No, I’m not a hater. It’s a opinion, do you know “opinion”? 
It’s a poor track to me but I’m not God so… 
Maybe for someone Prince is God, not to me. 
If he do something bad I can talk about it. 
Peace” 


Mi ha fatto piacere notare di non essere una mosca bianca, infatti alcuni hanno sposato la mia posizione citandomi nei commenti. 
Non sono l’unico, ma soprattutto non penso nemmeno d’essere l’unico a pensare che un po’ meno fede (cieca e muta) viola potrebbe fare bene. 
E’ un artista ragazzi! Un uomo e un artista. 
Poi con tutta la musica che c’è in giro, e non parlo di quella mandata da Mtv (tra l’altro, mette ancora video musicali o è ancora concentrata su scherzi, giochi stupidi e stronzate allegre?) c’è proprio bisogno di sbrodolare emozionati per un brano come R.R.L.A? 
Si? 
No? 
Sta a voi decidere, non esistono lover o hater e se proprio avessi l’obbligo di dover essere classificato vorrei essere classificato come “persona con una propria opinione”. 

Concludendo, sto pensando seriamente di far virare il mio blog verso lidi più estremi, insicuri, incerti, difficili, fastidiosi e pericolosi (perché parlare di lui su internet è sempre pericoloso). 
Non sarebbe semplicemente meraviglioso avere un blog intitolato “Purple Haters On The Internet”? 

Somebody’s looking at us? 

No, non ho paura. 


Bu! 





il disco nel suo complesso è ascoltabile, personalmente però non mi ha spinto a lunghi riascolti. Il problema numero uno è la voce di Larry. I brani scritti da Prince fossero anche stati cantati da lui avrebbero avuto altro valore. 

** i remix sono i tipici remix da disco non troppo coraggiosi, commerciali al punto giusto e con poche idee originali. Per fare un paragone assomigliano a quelli dell’altro singolo remixato per Purple Music, parlo di Dance 4 Me. In quel caso il risultato artistico non faceva urlare al miracolo ma i numeri davano ragione al nostro amico. Succederà la stessa cosa? Speriamo, in tal modo avrà modo di far tanti soldi con il minimo sforzo, tipico dei grandi geni della musica. O no? 






fonte: dr.funkenberry
testo No More Candy 4 U: mp3lyrics.org
storia dei pupazzetti: rollingstonemagazine

2 commenti:

  1. Ciao Shy
    ho letto e riletto il tuo post e devo dirti che condivido le tue opinioni.
    Anch’ io non mi sono esaltato all'ascolto di "Rock And Roll Affair", anche se il video
    non mi dispiace. Come tanti altri spero in un album, un buon album, che non sia simile
    agli ultimi pubblicati. Ho sempre dichiarato che l'ultimo bel disco fatto da Prince è One Nite Alone…
    Come te non mi interessano tanto i suoi commenti sui diritti musicali, sulla religione, chi produce o se ha debiti da saldare. Sono solo notizie che mi lasciano indifferente. Affari suoi. Penso però che se scrivi un blog dedicato a Prince, come faccio io, è perchè sotto sotto un legame con la sua musica c'è stato, c'è e continuerà ad esserci con alti o bassi, con piu' entusiasmo o meno entusiasmo come in questo periodo.
    Non sono un fanatico, anche se qualche mio amico lo pensa, e sono pesantemente critico
    con quello che realizza musicalmente.

    Portare avanti il blog mi diverte e lo faccio con la speranza che qualcuno si avvicini
    alla sua musica e ne rimanga affascinato. Certo "Rock And Roll Affair" non aiuta in questo.
    Sarebbe interessante riproporre la sua storia con musica e video, ma si rischia la querela!
    Ma allora cosa dobbiamo fare? Non demoralizziamoci e continuiamo.
    Non mollare.
    Buon lavoro.

    SimoneNiga

    RispondiElimina
  2. Grazie Simone, mi hanno fatto piacere le tue parole.
    Naturalmente parlo sempre con la consapevolezza di amare la sua musica ma di sentirne la mancanza. La sua musica vera, quella che sappiamo è capace di fare.
    La paura però che quella magia non torni più è tanta.
    Grazie ancora e complimenti (sempre) per l'interessantissimo blog.

    Ciao

    RispondiElimina