venerdì 21 settembre 2012

Notizie buone e cattive




Buone: nuovo singolo di Prince “RnR Affairs”. Lo potete ascoltare un po’ ovunque, è stato pubblicizzato anche da rockol tanto per dire. Si, notizia buona perché in ogni caso parliamo di un nuovo brano di Prince e non di un remix o di un rifacimento (in peggio) di un brano del passato. Lui nel frattempo, sempre per restare nelle buone notizie, rilascia un’intervista  al Chicago Tribune dove ci spiega una paio di cose sulla sua band, sulla musica e insomma, comunica. Ed è buono.

Cattive: e qui apriamo un capitolo purtroppo enorme e naturalmente soggettivo. Diciamo che in linea di massima il brano di cui sopra parlavo non ha ricevuto commenti lusinghieri dal popolo viola (non parlo di politica). C’è chi trova il brano troppo rassomigliante a brani del passato (Take Me With U e The One U Wanna C le più citate), chi punta il dito sulla voce di Prince irriconoscibile e chi (come me), non avendo particolari aspettative ormai sulla sua nuova musica, lo trova passabile ma dopo 3 ascolti non l’ha più riascoltato. Insomma, nulla, veramente nulla di particolarmente affascinante. Come leggevo su facebook, non ricordo chi diceva questa cosa, un brano di Prince “deve farmi ballare o deve farmi venir voglia di togliermi le mutande e questo brano non mi fa venir voglia di fare nessuna delle due cose”. A parte la questione mutanda sì/ mutanda no, direi che come analisi è azzeccata. Purtroppo il passato è talmente splendente che è difficile rimanere abbagliati da tanta pochezza creativa.
Dall’intervista veniamo a sapere poi che Larry Graham è tutt’ora in ogni discorso di Prince e la cosa, personalmente, non mi entusiasma. Basti pensare che a un certo punto Prince dice che una volta “a Paisley Park c’era gente che fumava, parlava in maniera sporca (ecc) ma da quando è arrivato Larry…” Ehm, infatti, da quando è arrivato Larry è iniziata la parabola discendente che ci ha portati qui.
Attenzione! Arriva Larry!
Dopo il discorso di Larry il nostro ci mette anche a conoscenza di quanto ami leggere la bibbia, di quanto sono fichi i Testimoni di Geova ecc ecc.
Oh, ognuno ha diritto di credere in quello che vuole e non sarò di certo io a criticare una religione che, come del resto tutte, non trovo particolarmente affascinante.
Certo che se uno fa uno + uno è indubbio che il risultato sia inesorabilmente 2.
Arriva Larry nella sua vita (con tutto quello che ne comporta) + arriva la fede dei testimoni di Geova (con tutto quello che ne comporta) = un nuovo Prince che tra alti e bassi non è più riuscito a mantenere il fascino unico che aveva fino a circa 15 anni fa.
Naturalmente la mia considerazione è relativa solo ed esclusivamente alla musica in studio e non ai concerti che risultano, nella peggior delle ipotesi, comunque esaltanti.
Ultima “cattiva” (ma qui i pareri sono discordanti tra i fan) il fatto che abbia ribadito durante l’intervista il suo totale disinteresse nel pubblicare nuovi album, almeno a non pubblicarne senza importanti (mah…) novità sul copyright/pirateria. Il succo è proprio questo…
Anzi, lui dice che non ha più bisogno di fare dischi per far soldi, gli bastano i concerti.
Mah… e io che mi ero convinto fosse un’esigenza artistica quella di fare musica.
Io capisco la sua frustrazione in riferimento alla pirateria ma vorrei ricordargli che se volesse veramente potrebbe creare un sito FUNZIONANTE dove prendere un SACCO di SOLDI ai suoi estimatori che, ammettiamolo, sarebbero ben felici di spedere BENE i propri soldi per musica nuova, video REALMENTE inediti, brani del mitico archivio ecc.
Certo, se però il progetto si dovesse fermare alla fase “prendere soldi ai sostenitori” beh, forse è meglio che continui i suoi Welcome 2 fino alla fine dei tempi.


Alla prossima.

shy


Nessun commento:

Posta un commento