martedì 19 giugno 2012

Il peso specifico del silenzio


 Ok, lo ammetto, Prince ha perso un po’ di fascino su di me. Sarà questo tour infinito, sarà la mancanza di novità musicali, sarà la mancanza di un sistema accettabile per comunicare con noi plebaglia (un sito, tanto per dire un’assurdità, un sito che non sia un sito di pettegolezzi come Dr.Funkenberry).

Rimango sempre dell’idea dei remi in barca, non voglio fare l’uccello del malaugurio ma tutto mi fa pensare a questo, il nostro Prince, il Prince che ci ha fatto innamorare della sua musica, il Prince misterioso, folle, simpatico, originale e unico NON esiste più. Al momento è un dato di fatto, è cronaca, a lungo termine spero d’essere smentito. Sapete della tipica storia dell’artista che tutti ormai danno per finito e lui con un colpo di reni si risolleva con un disco-capolavoro? Ecco, quello dubbioso sulle sue mosse e sulla la possibilità di riaverlo a livelli alti c’è (non tiro in mezzo nessuno, parlo di me), l’artista c’è, ora manca solo la parte del “si risolleva con un disco-capolavoro".

Veramente ragazzi, veramente volete ancora un tour Welcome 2? Abbiamo bisogno di un nuovo tour book dove lui ci mostra quanto è bello? Abbiamo bisogno delle sue foto photoshoppate? Abbiamo bisogno di una versione di Days Of Wild live per esaltarci? Io non riesco ad esaltarmi per un brano di 15 anni fa già proposto in versione live, insomma non è di certo una novità no? Ma sono l’unico a pensare che il nostro stia viaggiando in folle, leggermente in discesa tanto per manetenere un minimo movimento? Sono preoccupato, molto preoccupato. Ribadisco qui ancora le mie sensazioni anche per giustificare i miei centellinati post. Di cosa dovrei parlare? Di Andy Allo in radio? Di Prince che per ringraziare i fans Australiani regala Days Of Wild live? Dovrei esaltarmi per l’imminente album di Larry Graham o per il tour europeo di Andy McKee?

Io mi sono innamorato di Prince perché pubblicava un mucchio di musica, perché i suoi live erano ogni anno diversi, per il MISTERO che lo avvolgeva. Ora è rimasto un po’ di mistero (perché alcune sue scelte rimangono a me completamente incomprensibili) ma del resto non trovo più nulla. Poi aggiungiamoci anche il mondo che gira, ci sono nuovi artisti meravigliosi, non esiste solo Prince.

Insomma, non ho idea di quale volesse essere il risultato, non ho idea di cos’abbia in mente il nostro amico ma se voleva allontanare qualcuno... beh, qualcuno è riuscito ad allontanarlo. Io per lui continuo a provare rispetto, stima e amore, sì dai, passatemi il termine. Amore, perché mi ha regalato momenti magnifici e continua a regalarmeli, il mio post è solo indirizzato a voi che seguite il blog e anche a me. Ho bisogno di chiarirmi cosa succede, succede che le sue ultime mosse non mi convincono e non mi emozionano.


Dai Prince, voglio essere contraddetto!!!





Mi sembra stupido tornare a precisare alcuni concetti ma in chiusura di post sono obbligatori, eccoli in breve:
- spero di sbagliarmi in tutto e su tutto
- fosse abbastanza vicino per vederlo live ci andrei bendato e in verticale sulle mani
- in questo blog mi permetto di scrivere cose che altrove non direi nemmeno sotto tortura, se siete qui immagino possiate comprendere certe mie paranoie e il mio rispetto verso l’artista
- alla prima notizia positiva tornerò più carico e esaltato di prima
- a me Days Of Wild nella nuova versione Live non convince e credo sia un pessimo regalo
- si, ho voglia di attirarmi tutta l'antipatia del mondo viola! Eh eh.

5 commenti:

  1. purtroppo credo che tu abbia ragione....c'è una situazione di stanca, che dura da troppo tempo.
    E' vero che siamo abituati a dei colpi di coda notevoli dopo periodi di deriva pericolosi (pensa alla sorpresa di Rainbow children dopo anni di medioevo creativo...e i 2-3 meravigliosi tour con la band migliore che abbia avuto). ma i segnali di stanchezza riguardano non solo i lavori in studio bensi' purtroppo le performance live degli ultimi 2-3 anni, con qualche eccezione nel caso di alcuni meravigliosi concerti (Melkweg, Rotterdam, Viage...).
    La mia impressione è che stia puntando a non lavorare più in studio (del resto non c'è più soddisfazione e ricavo a fare buoni CD in studio, e comunque dovrebbe poi promuovere le nuove canzoni nei concerti, davanti a un publico che lo conosce solo per i grandi successi, oppure non lo conosce per niente) e ad avere un atteggiamento dal vivo dove può vivacchiare e "cazzeggiare" con un repertorio si molto grande, ma ormai troppo standardizzato (anche questi set di canzoni che si ripetono nella stessa successione hanno stufato), grazie anche ad una band "neutra" rispetto al suo catalogo, cioè in grado di fare il "compitino" di accompagnarlo senza protagonismo su tutto, con una certa flessibilità ma senza carattere.
    Così alla fine sembra tutto abbastanza simile (pur cambiando apparentememte la scaletta ogni volta, cosa di cui fa vanto) e la vera differenza nei singoli concerti la fa Lui se è carico o meno....
    tanto il livello della musica Live è destinato a crollare (mi dispiace ma non vedo nulla di buono all'orizzonte e i concerti di gruppi attuali riescono sempre a deludermi, per cui poi ritorno sempre sui grandi artisti (ormai vecchi) e Lui tenderà sempre più all'autocelebrazione....

    Speriamo che si stufi lui stesso di essere inattivo e si faccia invogliare dalle ultime botte di creatività rimaste a rimettersi in discussione e a proporre qualcosa di nuovo, innovativo e geniale (sono sicuro che ci può ancora stupire....).
    Sarebbe essenziale se cambiasse band, per avere nuovi stimoli da nuovi musicisti.

    La mia speranza : 1 anno di pausa x ricare le pile,poi nuovo CD triplo con nuova band a aprile 2013 e tour mondiale !!! yahuuuuuuu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento. Spero che arrivi il triplo ma nel frattempo rimango preoccupato. Boh, forse dovrei accettare il fatto che sta invecchiando e non ha piu' voglia di "rischiare".
      Magari dopo anni passati in studio si è stancato e vuole vivere la sua vita senza troppe menate. Magari non ha piu' voglia di spaccare il capello in quattro su un arrangiamento, magari non ha piu' voglia di preparare un concerto fino al minimo dettaglio. Onestamente lo capirei, detto questo rimane comunque un velo di tristezza. Qualcosa s'è perso e temo non torni piu'. È ora di fare i conti con questa possibilità. Viva Prince.
      Shy

      Elimina
    2. mai smettere di sperare con un personaggio del suo calibro, ma purtroppo la storia della musica pop e contemporanea ci insegna che ogni artista ha a livello creativo un periodo d'oro limitato e poi vive di rendita autocelebrandosi.... sopratutto se poi non è stimolato a dare sempre il meglio (perchè ne ha guadagnati fin troppi, o perchè comunque il livello in giro è molto più basso del suo standard, o perchè ha di meglio da fare nella vita...)
      però qui parliamo di un artista che sinceramente ci aveva abituato mooolto bene e da cui noi fan accaniti abbiamo sempre aspettative altissime....prendi Springsteen a Milano: tutti sono impazziti per le 3 ore e 45 minuti di concerto gridando al miracolo e sostenendo che nessun altro è così generoso dal vivo come lui etc etc....Vero in parte:in realtà anche lui ha un vasto repertorio che può sfruttare allungano i concerti a suo piacimento ma rifacendo le canzoni sempre allo stesso modo (con generosità e grinta...ma sempre uguali: l'unica differenza: i brani dei nuovi CD, peraltro non più all'altezza di Born to run etc etc)...quindi niente di eccezionale rispetto allo standard del Nostro Principe (ricordo alcuni concerti di 4 ore o/e comunque il binomio Show+Aftershow...di recente ascoltavo ONA in Parigi (tra soundcheck-show e aftershow, i fan si sono gustati più di 6 ore di concerto in un giorno...) ma i sostenitori di Bruce (tra cui rientra il sottoscritto..) non conoscono altro standard e si esaltano con moolto di meno, così come i fan di quasi tutti gli altri artisti in circolazione...

      Ma NOI vogliamo di Più e sempre di Più....questo Prince lo sa benissimo (altrimenti non farebbe gli aftershow...).
      Io spero che sia "costretto" dalla sua creatività (o dalla situazione economica...) a rimettersi in gioco.....in mancanza d'altro dovremmo anche noi abbassare le aspettative e accontentarci di risentire Purple Rain tra 10-15 anni con grande nostalgia dei bei tempi (nostri e del Principe)...

      Dipende solo da lui....

      Elimina
  2. Perdonate gli errori ma scrivendo con il cellulare mi capitano.
    Shy

    RispondiElimina
  3. Nulla da dire. Nulla da aggiungere. Io non ho speranze. E' finito. Prince is dead... stavolta davvero! Ed anche io spero tanto di sbagliarmi. Ma lo spero da anni. Saluti Gente.

    RispondiElimina